BUDAPEST (3-29 SETTEMBRE 2018)

Dal 3 al 29 settembre, ventisette, preziosi studenti del terzo, quarto e quinto anno degli indirizzi di Cucina, Sala e Accoglienza dell’Istituto “Tor Carbone”, accompagnati e guidati dai Prof. Felice Santodonato, Alessandra Voglione, Ombretta Carnevali e Nico Santucci, nell’ambito del PON - Alternanza Scuola-Lavoro, grazie alla partnership della CCIU (Camera di Commercio per l’Ungheria) hanno lavorato in otto prestigiose strutture della magica città di Budapest: il New York Palace Hotel (ex Boscolo), Trattoria Pomo d’oro, Akademia Italia, Da Mario, Bárkert Bistrot, La Fabbrica, l’Hotel Central e Trattoria La Coppola. Strutture situate perlopiù a Pest, in zone accarezzate dalle romantiche acque del Danubio e motivo di attrazione per avventori provenienti da ogni parte del mondo. Pomo d’oro ad esempio appartiene agli Annoni, storica famiglia di Gallarate, per metà ungherese, che nell’antica città imperiale ha investito nella ristorazione di qualità, fino a creare i presupposti per la nascita di Via Italia, una strada costellata in ogni suo lato di locali e punti di ristoro capaci di soddisfare la sempre crescente richiesta di qualità, gusto, eleganza, cultura e tradizione. Quale tradizione? La tradizione italiana in Ungheria. Presso Pomo d’oro, Da Mario, La coppola, tra altri, vi è personale italiano a capo dei reparti, con il fine di garantire ai clienti un’esperienza di valore. Questo ha consentito agli studenti di “Tor Carbone” di farsi apprezzare per il loro modo di presentarsi, di essere, di lavorare, di comunicare, dunque di misurarsi concretamente con l’autorevole contesto nel quale gli è stato permesso di operare. Un’opportunità per i nostri giovani, senza dubbio, ma anche per gli ospitanti ungheresi, che degli italiani hanno fatto un modello, motivo per il quale la CCIU offre ai diplomati più meritevoli italiani (dai 50 ai 100 l'anno) l’opportunità di andare a lavorare a Budapest. 

Dato il successo registrato, inoltre, il signor Marco Novali del ristorante Akademia Italia e da Mario, ha deciso di mettere in palio un premio per 3 vincitori tra gli studenti dell’Istituto “Tor Carbone”: una Borsa di Studio, consistente in una settimana presso l’Akademia Italia. L’assegnazione del premio verrà gestita tramite concorso presentato nel mese di novembre, pubblicizzato sul sito dell’Istituto. 

A conclusione dell’esperienza, il 27 settembre, presso Casa Pomo d’oro – spazio riservato agli eventi privati della famiglia Annoni – alla presenza, tra altri, dell’Ambasciatore d’Italia in Ungheria, del Sindaco di Hosszùhetény – città ungherese gemellata con Morolo, borgo della provincia di Frosinone – e del Presidente della CCIU, la Preside dell'Istituto “Tor Carbone”, la Prof.ssa Tonelli, gli studenti, il Prof. Santodonato e il Prof. Santucci hanno ringraziato della speciale accoglienza con la preparazione di una cena esclusiva, a sigillo di un incontro tra culture diverse legate dalla passione per il Made in Italy.   

 

- SLIDESHOW COMPLETO

 

Vai all'inizio della pagina